Cerca

ERASMUS+, accreditamento nel settore della Gioventù: comunicazione agli organismi interessati

23/04/2021 | Erasmus+
ERASMUS+, accreditamento nel settore della Gioventù: comunicazione agli organismi interessati

La presente comunicazione persegue l’obiettivo di fornire chiarimenti su alcuni elementi informativi che l’ANG considera importanti ai fini dell’accreditamento.

La procedura per potersi accreditare nell’ambito dell’Azione KA1 del programma Erasmus+:Gioventù 2021-2027 è aperta e per l’anno in corso si chiuderà il 31.12.2021, come indicato nella Guida al Programma 2021.  Per potersi candidare all’accreditamento è necessario presentare il formulario KA150 attraverso la piattaforma informatica disponibile al link https://webgate.ec.europa.eu/erasmus-applications/screen/home

L’accreditamento consente di accedere con procedura semplificata ai finanziamenti previsti nell’ambito delle tre tipologie di attività della KA1:

  1. Scambi di giovani;  
  2. Mobilità di animatori socio-educativi (youth workers);
  3. Attività di partecipazione dei giovani.  

Come indicato nella Guida al Programma, le organizzazioni accreditate hanno l’opportunità di partecipare ad una sola call per il finanziamento annuale delle attività, attraverso la compilazione dell’apposito formulario con codice KA151. Per l’anno 2021 la call è attualmente aperta e scade l’11 maggio 2021.

Per il 2021 le organizzazioni accreditate potranno richiedere il finanziamento per realizzare le attività descritte nel proprio “Overview of the planned activities” (Action Plan) che, per la prima annualità, non include le Attività di partecipazione dei giovani, ma solo Scambi di giovani e Mobilità di animatori socio-educativi. Le organizzazioni accreditate potranno infatti richiedere il finanziamento annuale per le Attività di partecipazione dei giovani solo a partire dalla seconda annualità a condizione che tali attività siano presenti nell’Action Plan approvato con l’accreditamento. Pertanto, nell’anno in corso, si possono presentare proposte progettuali di Attività di partecipazione dei giovani solo attraverso la modalità standard, che è aperta a tutti i soggetti ammissibili previsti dalla Guida.

L’ANG comunicherà entro il mese di aprile l’esito della valutazione delle 40 proposte pervenute entro il 5 marzo 2021. Ciò consentirà alle organizzazioni che risulteranno accreditate di presentare la propria richiesta di finanziamento per la prima annualità entro l’11 maggio 2021. A titolo del tutto eccezionale le organizzazioni accreditate dopo la scadenza dell’11 maggio potranno presentare proposte alla seconda scadenza ad oggi prevista il 5 ottobre 2021, le cui modalità verranno precisate appena disponibili.

L’Agenzia ha la responsabilità della valutazione delle proposte di accreditamento.

Da un punto di vista qualitativo, l’organizzazione che intende conseguire l’accreditamento deve permettere a chi valuterà la domanda di disporre delle informazioni necessarie in merito ad una serie di temi che sono comunque ben richiesti dal formulario di accreditamento, ma che non sempre vengono compilati con la dovuta attenzione. A titolo di esempio, e senza la pretesa di essere esaustivi, si ritiene utile attirare l’attenzione su alcuni aspetti che sono oggetto di una attenta valutazione, insieme alle altre informazioni:

  1. la storia dell’organizzazione e la sua esperienza nell’ambito del lavoro con i giovani;
  2. l’organizzazione interna del proponente e la messa in evidenza delle capacità organizzative con riferimento alle attività per le quali propone la propria candidatura. A tal fine è opportuno che l’organizzazione provveda a caricare sul proprio profilo (OID) i documenti che saranno oggetto di analisi, come ad esempio Statuto, Atto Costitutivo, Identificazione finanziaria, soggetto di diritto, certificato di attribuzione del codice fiscale, elementi che consentono di riscontrare informazioni indispensabili: la data di costituzione e l’ambito di attività dell’organizzazione. La mancanza di tali informazioni pregiudica infatti l’ammissibilità della proposta in quanto un’organizzazione deve esistere da almeno due anni.  Qualora non fosse possibile determinare con esattezza tale informazione, la domanda sarà respinta nella fase della valutazione di ammissibilità.

Si ricorda che con la sottoscrizione della Dichiarazione d’Onore (che deve corrispondere a quella relativa al formulario trasmesso), l’organizzazione dichiara che la propria domanda è originale, ovvero non copiata e che nessuno esterno all’organizzazione è stato remunerato per predisporre la compilazione del formulario di candidatura. Anche in questo caso, qualora da controlli dell’Agenzia dovesse emergere la non veridicità di tale dichiarazione, la domanda sarà respinta formalmente e non valutata. In linea con questa impostazione, potrebbe risultare poco coerente la presentazione del formulario in lingua inglese.

La proposta di accreditamento deve saper collegare in maniera efficace e coerente l’attività ordinaria dell’organizzazione, ossia ciò che indipendentemente dal Programma Erasmus+ l’organizzazione svolge nel suo quotidiano, con quanto potrà essere realizzato tramite l’accreditamento. La proposta di accreditamento presentata deve infatti dimostrare un chiaro valore aggiunto in termini di impatto rispetto alle normali attività poste in essere dall’organizzazione e dal partenariato in assenza di accreditamento.

L’ “Overview of the planned activities” proposto deve permettere che ogni attività sia chiaramente identificata e correlata agli obiettivi descritti. È in questa prospettiva qualitativa che l’organizzazione proponente deve specificare chiaramente:

  • le caratteristiche del target che intende coinvolgere;
  • il contesto sociale, le modalità di coinvolgimento dei partecipanti alle attività;
  • la realtà geografica in cui l’organizzazione opera e dalla quale intende identificare il target delle proprie azioni;
  • il territorio di realizzazione di ciascuna attività in ospitalità e il suo nesso con il gruppo dei partecipanti residenti in Italia.

Si raccomanda di leggere attentamente tutte le domande che sono contenute nei singoli riquadri del formulario di candidatura (KA150) e di rispondere seguendo puntualmente quanto richiesto. La sezione relativa al partenariato estero con il quale si intende lavorare deve indicare in maniera precisa le singole organizzazioni, o il metodo che si intende seguire per tale individuazione e il collegamento con le singole attività.

L’Agenzia ritiene che una programmazione triennale sia congrua, sebbene ci sia la possibilità di avere una programmazione anche di più lunga durata (fino a sette anni). 

Di seguito i documenti che accompagnano il processo di Accreditamento nel settore della Gioventù:

NewsLetter

Iscriviti alla nostra newsletter e rimani aggiornato sulle iniziative del mondo ANG