Calcio d’inizio ai progetti di ka2: partita iniziata!

Erasmus+
UTILITÀ

Con il calcio d’inizio tirato dall’Agenzia lo scorso 14 febbraio, è iniziata la partita che vede schierate in campo le associazioni beneficiarie dei progetti di partenariati strategici (ka2) della seconda scadenza del 2018.

Ora sono pronte per dare vita ai loro progetti e l’Agenzia sarà al loro fianco durante questo percorso che li porterà a produrre risultati tangibili, quali intellectual output, ossia prodotti intellettuali tangibili come materiali e moduli pedagogici, risorse didattiche, analisi, studi, azioni che portino effetti positivi e duraturi sulle organizzazioni partecipanti, nonché sulle organizzazioni e persone direttamente o indirettamente coinvolte nelle attività organizzate e garantiscano lo sviluppo, il trasferimento e/o l’attuazione di pratiche innovative a livello organizzativo, locale, regionale, nazionale ed europeo che abbiano un impatto positivo sulla vita dei giovani.

Ricordiamo che un partenariato strategico dà l’opportunità, alle organizzazioni attive nel settore della gioventù, nonché alle imprese, agli enti pubblici, alle organizzazioni della società civile attive in diversi settori socio-economici, di cooperare per attuare pratiche innovative che portino ad un’animazione giovanile di alta qualità, alla modernizzazione istituzionale e all’innovazione sociale. Ma anche di cooperare per il riconoscimento e la certificazione a livello nazionale delle abilità e delle competenze frutto dell’educazione non formale, facendo riferimento ai quadri europei e nazionali delle qualifiche e utilizzando gli strumenti UE di convalida.

Le organizzazioni che hanno partecipato all’incontro organizzato da Ang, presso lo spazio Europa, realizzeranno progetti su diversi temi tra cui l’inclusione dei giovani a rischio di marginalizzazione, giovani migranti e giovani con minori opportunità; e poi ancora la promozione della qualità dello youth work, con particolare riferimento alla crescente rilevanza delle competenze digitali, e l’educazione alla partecipazione e alla cittadinanza attiva nelle loro diverse declinazioni tra cui l’educazione ambientale e il contrasto alla violenza di genere. Ci sono progetti che trattano il tema del bullismo con l’obiettivo di dare strumenti per contrastare un fenomeno sempre più in crescita tra le nuove generazioni. E poi ancora progetti che hanno come obiettivo l’implementazione di metodologie di educazione non formale e formale in contesti di istruzione.

Al termine del progetto le organizzazioni dovranno realizzare, come anticipato, gli intellectual output, quali toolkit per gli Youth worker, moduli di formazione e workshop, guide e manuali pratici, strumenti multimediali, lavori di analisi a modelli operativi di intervento.

Tutti materiali e strumenti che avranno un notevole impatto sulle politiche giovanili ed un forte coinvolgimento dei territori. Il ruolo dell’Agenzia è quindi quello di accompagnare le organizzazioni al fine di dare sempre maggiore visibilità a quanto realizzato e permettere un effetto moltiplicatore di modelli positivi.

L’obiettivo di Ang è quello di “istituzionalizzare” questi momenti di incontro con tutte le organizzazioni per consentire luoghi di confronto, favorire attività di networking, fare rete e mettere a sistema strumenti, idee e risultati, dandone massima visibilità e diffusione, creando un sistema che sia sempre più riconosciuto e riconoscibile.

erasmus mini

corpoeuropeo mini

occasioni mini

  • Facebook

  • Twitter

ALTRE ATTIVITÀ, PARTNERSHIP E CAMPAGNE